BLOG GRATIS


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> DIRECTORY <<  >> NOTIZIE DI OGGI <<  >> FORUM <<  







Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

ISCRIVITI NELLA TOP 100



   Notizia del 18 novembre 2009 ore 19:55 - Visite 2837
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Spy Calcio > La Juventus e la terza stella Decider?a Federcalcio

Spy Calcio - La Juventus e la terza stella Decider?a Federcalcio


Jean Claude Blanc, neopresidente della Juventus, in una recente intervista alla Gazzetta ha ribadito con decisione quanto aveva già sostenuto in occasione del suo insediamento: "La Juventus ha vinto 29 scudetti: in caso di vittoria in questo campionato, metteremo sulla maglia la terza stella". Il n.1 del club bianconero non accetta in pratica il verdetto della giustizia sportiva: due scudetti revocati per Calciopoli (di cui uno assegnato all'Inter). Una provocazione, la sua. Ma vediamo, nel dettaglio, la storia della stella. E' nato tutto nel lontano 1958: quando la Juve vinse il suo decimo scudetto il presidente bianconero Umberto Agnelli chiese alla Lega Calcio, presidente Giuseppe Pasquale, di potersi fregiare di un simbolo sulla maglia. La Lega passò la domanda alla Figc: e il consiglio federale della Federcalcio, presidente Ottorino Barassi, decise che chi aveva vinto dieci titoli poteva portare un "distintivo particolare" (delibera del 29 maggio 1958). Senza precisa cosa, non si parlava ancora di stella. Fu la Lega che un mese dopo stabilì, in un suo consiglio, che quel distintivo era una stella.

Seconda puntata: 1982. La Juventus vince altri dieci scudetti e chiede di potersi fregiare della seconda stella. Arriva la seconda autorizzazione, in data 31 luglio 1982. Ipotesi: la Juve a fine stagione vince lo scudetto, che fa Blanc? Chiede alla Lega, che poi gira la richiesta alla Figc, di poter mettere la terza stella? Per la Figc gli scudetti vinti dal club bianconero sono 27, e quindi la risposta sarebbe negativa. Più problematico potrebbe diventare, secondo un fronte bianconero assai ampio, se al processo di Napoli per Calciopoli dovesse cadere l'imputazione di associazione per delinquere. In questo caso molti tifosi bianconeri, tramite gli avvocati, potrebbero chiedere alla Figc di "restituire" i due scudetti tolti. O almeno uno. Secondo Giancarlo Abete, e alcuni esperti di via Allegri, non sarebbe possibile. Trattandosi di due ordinamenti giuridici diversi. Ma la materia, qui, è molto controversa. Si vedrà.

Ascolti tv: il basket batte il volley
Ascolti tv, ecco come vanno volley e basket. Volley maschile (Rai Sport Più): Modena-Taranto, 0,17% di share, 30.748 audience, 241.249 contatti. Basket maschile (Sky): Milano-Cantù, 0,48% share, 94.385 audience, 295.127 contatti; Varese-Bologna, 0,52% share, 75.895 audience, 223.774 contatti.

Dilettanti, stadi senza barriere e violenza in calo
Ci tiene molto, Carlo Tavecchio: l'operazione "stadi senza barriere" è uno dei fiori all'occhiello della sua Lega Dilettanti. La politica "guardia alta contro la violenza" sta dando i suoi risultati: più che positivo, nel mondo dei dilettanti, il trend della stagione 2008-'09 rispetto alla precedente. Diminuiti notevolmente gli scontri fra tifosi e polizia, meno aggressioni alla terna arbitrale, meno scontri fra tifoserie e tifosi arrestati. Sono aumentate solo, in maniera sensibile, le gare a porte chiuse: da 10 a 24 (più 240). Le partite dilettantistiche monitorate dall'Osservatorio sono state 283 (271 l'anno precedente). Ma oggi il Riccione (Campionato nazionale dilettanti) ha avuto una squalifica pesante, 4 gare a porte chiuse, e il Chieti tre. La battaglia è ancora lunga da vincere. Stadi senza barriere: non hanno mai dato problemi, l'iniziativa merita di essere incrementata. Il primo (2005) è stato quello di Montecchio Maggiore, poi lo stadio dell'Itala San Marco. Solo ad Agnone, in Molise, uno spettatore ha cercato di dare un calcio ad un massaggiatore. Ma non per questo si deve mollare. I tifosi vanno educati alla legalità.

Macalli e la cura dimagrante: "Massimo 54 società"
La ricetta di Mario Macalli, presidente della Lega di serie C (ora si chiama Lega Pro) dal 1997. Riforma dei campionati: "Non vogliono farla, né la faremo mai. Ma io per la mia Lega vedo bene 54 club, non 90 come adesso". Poi, la stoccata all'ex amico Giancarlo Abete ("deve governare, non barcamenarsi") e a Carlo Tavecchio, n.1 della Lega Dilettanti ("il suo, molto spesso, è un professionismo mascherato"). Macalli contesta anche l'1% che spetta alla sua Lega per la nuova legge sui diritti tv e aspetta che si muova qualcosa sul fronte stadi: "Pronti a costruirne 15, con al massimo 7500 posti". La Lega Pro ha 50 anni, "ed è disposta a fare sacrifici, ma deve valere per tutti". Non ci sarà quindi riforma dei campionati, non se ne parla nemmeno più: la Lega di Milano d' altronde ha venduto l'attuale format dei campionati (serie A a 20, B a 22) sino al 2012. E non si parla più nemmeno di assemblea straordinaria per la revisione di uno statuto nato già vecchio: una buona notizia questa per Marcello Nicchi, presidente degli arbitri, visto che Macalli e Tavecchio (qui alleati...) volevano togliergli l'autonomia.


Origine: Repubblica

18-07-2019 - Comunali Salerno, prima proiezione: Vincenzo Napoli vince con il 72 per cento dei voti
18-07-2019 - Kit per la diagnosi dell?infertilità in soli cinque giorni. La scoperta di tre scienziate napoletane
18-07-2019 - Super Valentino, Tommasi (e un arcivescovo)
18-07-2019 - "I tg dicono che L'Aquila rinasce e noi battiamo i piedi per il freddo"
18-07-2019 - Un pezzo d'Italia nell'Nba "Bisogna imparare da qui"
18-07-2019 - M5S al Circo Massimo Pizzarotti non sarà sul palco
18-07-2019 - Comunali Napoli 2016, de Magistris presenta i candidati alle municipalità
18-07-2019 - Scuola, Renzi: "Riforma non del premier o ministro, ma di tutti"
18-07-2019 - Il 4-3-1-2 e il trequartista se lo schema detta legge
18-07-2019 - Comunali 2016, presentate le liste a Napoli, nel Pd c'è l'uomo che offriva un euro ai seggi delle Primarie
18-07-2019 - Ho amato PSH e la sua fatica di vivere di ELENA STANCANELLI  
18-07-2019 - La generazione post-televisiva
18-07-2019 - Lo sport è sportivo fino a prova contraria
18-07-2019 - Wikileaking  you
18-07-2019 - lunedì 28 febbraio Processo a Raffaello
18-07-2019 - Cina e Brasile, addio al dollaro
18-07-2019 - Il cambista di Venezia, parte terza
18-07-2019 - F più vocale
18-07-2019 - Le tante maglie dei volontari E la pizza formato ridotto
18-07-2019 - Consumo auto
18-07-2019 - Emo / Eno
18-07-2019 - Vaccini e asilo, il No grillino in Emilia-Romagna: "Contrari al metodo coercitivo"
18-07-2019 - Non è il prezzo stratosferico che fa vendere
18-03-2018 - Due lezioni dallo Scudo
01-10-2017 - Tar: "Niente donne in Giunta? Ma i maschi non possono ricorrere"
02-09-2016 - Dal pallone alla piscina l'Italia ha imparato a nuotare
23-07-2016 - Europei 2016 e l'Italia Un sogno da 400 milioni
05-03-2016 - Trentamila supplenti (ancora) senza stipendio
03-02-2014 - Udinese, riecco Di Natale Cesena, tris di Mutu
18-06-2011 - L'importanza di braccia e mani  



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 





Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy