BLOG GRATIS


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> DIRECTORY <<  >> NOTIZIE DI OGGI <<  >> FORUM <<  







Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

ISCRIVITI NELLA TOP 100



   Notizia del 18 dicembre 2013 ore 05:44 - Visite 2333
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Lazio, la 'verità' di un tifoso biancoceleste sui fatti di Varsavia



ROMA - A proposito dei fatti che giovedì 28 novembre hanno portato all'arresto in Polonia di diversi tifosi della Lazio a seguito degli scontri avvenuti prima della gara di Europa League contro il Legia Varsavia, riceviamo e pubblichiamo la lettera con il racconto di un tifoso biancoceleste sottoposto al fermo.          

"E' necessario portare all'attenzione dell'opinione pubblica i fatti di Varsavia che hanno interessato da giovedì 28 novembre moltissimi cittadini italiani e prevalentemente romani, in numero inizialmente di circa 150 persone. Più di 700 tifosi erano attesi nella capitale polacca per assistere a un match di Europa League, prima del quale si sono dati appuntamento davanti a un noto locale di Vasavia (Hard Rock Cafe) per essere scortati dalla polizia fino allo stadio, come è usuale in tutte le trasferte europee. Una volta iniziato il corteo, probabilmente qualche lancio di oggetti su delle camionette da parte di alcuni individui (fatto tutto da verificare in quanto l'unica testimonianza è un filmato diffuso dalla polizia polacca non datato e sfocato in cui si vedono solo oggetti volare e non da chi partano questi lanci) ha fatto scatenare le cariche della polizia.

Ovviamente si è diffuso il panico e tutti i 700 tifosi hanno iniziato a scappare. Mentre alcuni sono riusciti a fuggire per delle vie del centro, alla maggior parte è stata tesa un'imboscata e senza che si sia potuto identificare alcun colpevole, circa 200 persone sono state fatte stendere
a terra, perquisite e spogliate di tutti gli averi personali compresi i telefonini e poi condotti nei vari commissariati cittadini. Sono stati tenuti nelle celle dei commissariati o in altri edifici alcuni per una notte e altri per due notti. Senza alcuna reale prova di sorta (foto, filmati) sono stati scelti nel mucchio dei colpevoli, che non sono stati rilasciati sotto il pagamento di ammende, ma condotti a un processo per direttissima sabato mattina. A questi ragazzi, per i quali i capi di imputazione variano da aggressione alla polizia, a resistenza a pubblico ufficiale, sono stati fatti firmare dei documenti interamente in polacco, con i quali, a parole, si garantiva ai ragazzi che avrebbero avuto un processo breve al termine del quale sarebbero stati liberati.

Questi documenti, firmati da ragazzi tra i 17 e i 22 anni, erano in realtà delle assunzioni di responsabilità in cui si rinunciava anche alla difesa legale. In tutto questo l'ambasciata italiana a Varsavia era totalmente impreparata ad affrontare la situazione, anche per numero di impiegati, non avendo idea dei tempi dei processi, delle eventuali pene, e sconsigliando addirittura ai genitori di recarsi nella capitale polacca. Fortunatamente alcuni genitori sono partiti autonomamente e hanno potuto assistere al processo di Sabato 30 novembre. Si è trattato di 8 processi svolti in contemporanea, interamente in lingua polacca, con un solo traduttore assegnato dal tribunale e senza alcun funzionario dell'ambasciata presente in aula. I processi hanno visto protagonisti esclusivamente i poliziotti che hanno sfilato uno dopo l'altro testimoniando contro i ragazzi, senza per altro poter riconoscere precisamente nessuno di loro, per via del buio, delle giacche e dei cappelli che molti indossavano per il freddo. Di nessun ragazzo c'erano foto o filmati ben visibili. L'ambasciata aveva assicurato la presenza di avvocati, interpreti o quanto meno funzionari. Tutto ciò non si è verificato, anzi, i ragazzi sono stati abbandonati a loro stessi e costretti a firmare dei fogli in cui non sapevano nemmeno cosa ci fosse scritto. Alla fine del processo, durato più di 8 ore, sono state emesse le sentenze, con pene per circa 22 ragazzi di tipo detentivo, dai 2 a sei mesi.

E' bene ribadire che si è trattato di un processo senza legale, con la presenza di un solo traduttore, e nel quale non erano chiari nemmeno i capi di imputazione. Non è stata mostrato alcun materiale foto o video come prova, ma solo testimonianze di agenti presenti per altro, come riferiscono le persone presenti al processo, molto confuse. I ragazzi, tutti giovani, studenti universitari, lavoratori, anche minorenni (c'è un ragazzo di 17 anni), sono stati condotti immediatamente in carcere, senza alcun contatto con l'ambasciata o la possibilità di contattare un legale. In tutto ciò gli organi di stampa italiani fornivano notizie sporadiche e inesatte, dando per scontato che i ragazzi sarebbero stati rilasciati dietro il pagamento di una cauzione, cosa che non è poi avvenuta per tutti. I ragazzi condannati sono stati in larga parte scelti a caso nel mucchio e indicati come colpevoli di presunte aggressioni mai verificatesi.

Adesso l'ambasciata si sta muovendo cercando di fare ricorso per queste pene ingiuste e frutto di soprusi, scaturiti probabilmente da problemi interni alla polizia polacca, accusata recentemente di non essere in grado di mantenere l'ordine durante manifestazioni pubbliche. In questo caso però si è trattato di una ritorsione su dei cittadini italiani, non delinquenti comuni, ma ragazzi di buona famiglia tutti fermati senza alcuna ragione reale e comunque documentata. Non è giusto che all'opinione pubblica vengano fornite le solite storie sui tifosi/teppisiti, quando non si è verificato alcun incidente o scontro, ma è stato messo in atto un grave abuso da parte della polizia in un paese, come la Polonia, che fa comunque parte dell'Europa".


Origine: Repubblica

31-07-2019 - Coppa America: il Venezuela e la Var fermano il Brasile, il Perù vince in rimonta
19-07-2019 - Il tressette di Ancelotti, la fiction di Spalletti e poi Wanda e Allegri-Adani: il blob del campionato
27-06-2019 - Inghilterra, Manchester City e Liverpool si giocano il titolo negli ultimi 90 minuti
14-06-2019 - Sei squadre per due posti: la corsa per la Champions (e poi per l'Europa League)
06-06-2019 - Juventus Women anticipa gli uomini: è campione d'Italia
17-05-2019 - Studio Sla, i calciatori di serie A sono sei volte più a rischio
28-02-2019 - Più veloce, agile e social: ecco il nuovo Bloooog!
28-02-2019 - Gavillucci può tornare ad arbitrare in A, corte Figc accoglie ricorso
28-02-2019 - Cori razzisti, squadre fuori dal campo al secondo richiamo
28-02-2019 - Coppa Italia, semifinali: Lazio-Milan il 26 febbraio, Fiorentina-Atalanta il 27
28-02-2019 - Vialli, un calcio al cancro: ''Non è stato facile, ma ora sto bene''
27-02-2019 - Serie D: primo ko per il Bari, continua a volare il Cesena
26-02-2019 - Serie B: il Padova risorge con i nuovi acquisti, tre schiaffi al Verona
23-02-2019 - Insulti razzisti e rissa tra genitori durante una partita juniores a Parma
18-02-2019 - Prima snobbata, ora fondamentale. La coppa Italia che può salvare la stagione
14-02-2019 - Serie D: primo ko per il Bari, continua a volare il Cesena
07-02-2019 - Giorgetti: ''Stop partite per cori razzisti? Valgono regole Uefa e Fifa''
31-01-2019 - Calcio femminile, Morace denuncia: "Calci e pugni dalle giocatrici del Bari"
24-01-2019 - Calcio, una partita di serie D a settimana in diretta video su Repubblica.it
23-01-2019 - Ronaldo, la statua di Funchal diventa virale... per le sue parti basse
07-12-2018 - Brignoli, se il gol più bello può essere di un portiere
07-12-2018 - Football Leaks, la Uefa: "Pronti a riaprire casi Manchester City e Psg"
07-12-2018 - "Silvia, la nostra meglio gioventù": il tweet di Claudio Marchisio sulla volontaria rapita in Kenya
07-12-2018 - Dà testata a un giocatore, Daspo 5 anni per dirigente-guardalinee sardo
29-11-2018 - Tecnologia in campo, Collina boccia Var a chiamata: "Il calcio non è il basket"
26-11-2018 - Antonio Cassano dice addio al calcio: "Inizia il secondo tempo della mia vita"
22-11-2018 - Figc, Gravina incontra la Lega di serie A. Nel suo programma anche gli Europei 2028
13-11-2018 - Monza, Berlusconi sogna un club diverso: "Italiani, giovani e senza tatuaggi"
13-11-2018 - Gela, Cassazione: il Daspo non vale per chi vede la partita dal balcone
14-10-2018 - Tar sconfessa Collegio Garanzia: Ternana e Pro Vercelli sperano nella B



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 





Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy