BLOG GRATIS


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> DIRECTORY <<  >> NOTIZIE DI OGGI <<  >> FORUM <<  







Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

ISCRIVITI NELLA TOP 100



   Notizia del 11 aprile 2013 ore 17:45 - Visite 4699
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Game of thrones, è giunta l'ora: terza stagione alle porte. Con spoiler



HAPPY birthday, Mr Tarantino. Il regista più celebre degli ultimi vent'anni, adorato dai cinefili duri e puri così come dagli spettori dai gusti popolari, il grande innovatore del genere pulp, l'autore tutto pugni, sangue e pallottole, lo sdoganatore di B-movie di ogni latitudine (a cominciare dall'Italia), il cineasta che ha saputo trasformare se stesso e i suoi film in icone pop, la superstar capace di animare qualsiasi festival o red carpet, arriva - mercoledì prossimo - al traguardo del mezzo secolo di vita. E anche se col suo stile informale, la sua oscillazione tra rigore sul set e sregolatezze nel tempo libero, lo immaginiamo eternamente giovane, la realtà è che il divo Quentin giunge all'appuntamento con un bagaglio di carriera da veterano. Le pellicole all'attivo - nove, i lungometraggi firmati interamente da lui - non sono tante, ma quasi tutte universalmente amate e citate. E il palmares, forse ingeneroso rispetto al consenso diffuso che ha saputo raccogliere, comprende comunque  85 premi prestigiosi. Tra cui due Oscar.

IL VIDEOTRIBUTO - IL SONDAGGIO SUI REGISTI

GALLERY: LE SUE DONNE COMBATTENTI

Ma vuoi per l'anagrafe, vuoi per questo poderoso curriculum, non c'è scampo: bisogna rassegnarsi, e ammettere che l'ex enfant prodige ribelle è cresciuto. Guadagnando negli ultimi anni in autorevolezza, e forse perdendo qualcosina del suo spirito iconoclasta. Ma il momento è senza dubbio adatto per riflettere sul suo ruolo e la sua posizione nel cinema contemporaneo: ecco perché Repubblica.it lancia una sfida ai suoi lettori, e in particolare alle due categorie (numerosissima la prima, corposa la seconda) degli ammiratori e dei detrattori di Tarantino. Lanciando un sondaggio per scegliere il miglior regista vivente, tra quelli ancora in attività, da scegliere in una rosa - arbitraria, come tutte le scelte - di dieci nomi, tra i più amati a livello internazionale. Un gruppetto di cui ovviamente fa parte anche Quentin: e il risultato ci farà capire che posto occupa lui nella top ten dei Grandi della settima arte.

Per il resto, il cinquantesimo compleanno è anche l'ennesima occasione per celebrare il talento e la capacità di far sognare gli spettatori di questo ex ragazzino perdutamente innamorato del cinema, nato il 27 marzo del 1963 a Knoxville, Tennessee. Della sua vita prima di raggiungere la notorietà, si è detto e si è scritto tutto: il suo folle amore, esploso da giovanissimo, per il lato B del cinema, gli horror, i poliziotteschi (a cominciare da quelli di casa nostra). Poi l'impiego in un negozio di homevideo, le prime esperienze da videomaker. Il successo al Sundance del suo primo lungometraggio, Le iene, che col passaparola diventa cult in mezzo mondo; seguito dall'exploit definitivo di Pulp Fiction (1994), Palma d'oro a Cannes e Oscar per la sceneggiatura originale (la seconda, nella stessa categoria, arriva proprio quest'anno, per Django Unchained).

Torrenziale, fumantino, sregolato, grandissimo bevitore - i baristi del Lido di Venezia ancora ricordano i suoi spritz a ripetizione nell'edizione 2010, quando fu presidente di giuria alla Mostra - Tarantino ha anche scoperto grandi attori come Tim Roth, Harvey Keitel, Steve Buscemi; ha fatto rinascere il mito di John Travolta, con la celeberrima scena del ballo in Pulp Fiction; ha regalato alla diva Uma Thurman i suoi ruoli più belli e trasgressivi (vedi i due Kill Bill); ha sempre mostrato di amare le figure femminili forti, tutt'altro che passive, pronte a menare le mani e a sparare; ha spesso diretto episodi di serie tv che amava, come CSI; è apparso altrettanto spesso come attore, in film suoi (Le iene ) o di altri registi; ha sdoganato presso i cinefili più snob le pellicole sexy italiane anni Settanta, quelle con le sue eroine Barbara Bouchet ed Edwige Fenech; ha animato anche le cronache rosa, con i suoi passati legami con la più dolce Mira Sorvino e con la più coriacea Sofia Coppola. Ma c'è una cosa che dopo tanti anni lo fa ancora inalberare: le domande su se la violenza che gronda dai suoi film ispiri in qualche modo la violenza reale. Lui da sempre sostiene di no, che il suo è solo cinema e intrattenimento. Però guai a chiederglielo: l'ultimo giornalista che l'ha fatto in una delle interviste promozionali per Django, ha subito un attacco durissimo.

E nel futuro? Ci sono rumors su un possibile progetto Kill Bill 3. Mentre è certa la sua partecipazione, in un cameo, al western spaghetti di Enzo G. Castellari, Badlanders, insieme a uno dei suoi idoli di sempre: Franco Nero.

Origine: Repubblica

20-07-2019 - Concerti, verso la frontiera rock del Primo maggio. E la sessione cubana di Zucchero
20-07-2019 - Robert Downey jr. dopo "Iron Man 3": "Voglio girare un film su Pinocchio"
20-07-2019 - Gino Paoli verso la presidenza Siae Cdm avvia la procedura per la nomina
20-07-2019 - Cannes, il meglio del cinema: l'Italia ci prova con Sorrentino
20-07-2019 - Londra, a migliaia per la festa dei dischi
20-07-2019 - "Piuttosto che", principe degli strafalcioni. In un libro 300 "tossine grammaticali"
20-07-2019 - Il prof, l'alunno, la madre dell'amico: le inquietudini "Nella casa" di Ozon
20-07-2019 - Il Far East Festival a portata di clic: su Repubblica.it i film della rassegna
20-07-2019 - "Eravamo bambini", in un libro i testimoni delle stragi naziste
20-07-2019 - Noemi: "Io in fuga dall'Italia per cambiare musica"
20-07-2019 - Il Grande Gatsby, guerra di cover: è polemica sulla foto del film
20-07-2019 - Addio all'attrice Anna Proclemer
20-07-2019 - Yoani Sanchez contestata a Perugia la platea fischia i filocastristi
24-02-2014 - Cannes, il meglio del cinema: l'Italia ci prova con Sorrentino
24-02-2014 - In festa per il Record Store Day: grazie al vinile, passione infinita
24-02-2014 - "Eravamo bambini", in un libro i testimoni delle stragi naziste
24-02-2014 - Londra, a migliaia per la festa dei dischi
24-02-2014 - "Da Vinci's Demon", un'opera rock: "Dimenticate il vecchio Leonardo"
24-02-2014 - Il Far East Festival a portata di clic: su Repubblica.it i film della rassegna
24-02-2014 - "Piuttosto che", principe degli strafalcioni. In un libro 300 "tossine grammaticali"
24-02-2014 - Noemi: "Io in fuga dall'Italia per cambiare musica"
24-02-2014 - A Roma concerto-omaggio a Califano. Tanta musica per l'Earth Day 2013
24-02-2014 - Gino Paoli verso la presidenza Siae Cdm avvia la procedura per la nomina
24-02-2014 - Addio all'attrice Anna Proclemer
24-02-2014 - Concerti, verso la frontiera rock del Primo maggio. E la sessione cubana di Zucchero
24-02-2014 - Dai correttori di bozze ai "cacciatori di balle"
24-02-2014 - Festival del giornalismo di Perugia. Il liveblog di panel, workshop, eventi
24-02-2014 - Morto il musicista Richie Havens Aprì il maxi concerto di Woodstock
24-02-2014 - L'"hacker" di Obama svela i suoi segreti
24-02-2014 - Grande Gatsby, guerra delle copertine: la storica contro quella che richiama il film



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 





Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy